Albertini Oreste

(Torre del Mangano, 28 marzo 1887 – Besano, 7 luglio 1953)

ACQUISTIAMO OPERE DI QUESTO AUTORE

Vuoi una quotazione di Albertini Oreste?

Vuoi sapere quanto possa valere l'opera che stai per vendere o acquistare?
Se sei interessato a venderla il nostro staff è a completa disposizione per aiutarti.

Biografia

Oreste Albertini (Torre del Mangano, 1887 – Besano Brianza, 1953) formatosi presso la Scuola Civica Pavese con Pietro Michis (1836-1903). In seguito si trasferisce a Milano per frequentare l’Accademia di Brera, dove apprende tutte caratteristiche del paesaggismo lombardo ottocentesco. Studia in seguito alla Società Umanitaria, collaborando con Luigi Rossi (1853-1923) e Giovanni Buffa (1871-1954).

Ai suoi esordi si dedica alla pittura come passatempo e solo nella maturità, si dedicherà ad essa come sola professione. I paesaggi realizzati da Albertini sono incentrati su un misurato e attento studio della luce.

Trova anche nella tecnica del divisionismo una sua personale interpretazione.

Ne emergono paesaggi molto intense. I luoghi che lo affascina maggiormente sono quelli attorno al Monte Rosa, il territorio di Macugnaga, la Val d’Ossola e la Valle Anzasca.

Tra Piemonte, Lombardia e Valle d’Aosta esegue la maggior parte dei suoi dipinti. Dal al 1921 si stabilisce definitivamente a Besano, ma conservando uno studio anche a Milano.

Da Besano invia gran parte delle opere destinate alla Permanente di Milano, a cui partecipa regolarmente per molti anni. Si dedica anche, a dipinti di figura e di genere, che però non gli garantiscono lo stesso successo dei paesaggi montani. Muore a Besano Brianza nel 1953.

I connotati molto personali e originali dei paesaggi montani di Oreste Albertini trasmettono alle sue composizioni un’aria di silente sospensione. Ciò che più emerge agli occhi dello spettatore è un utilizzo materico e vibrante del colore, steso nei primi anni con fare impressionista e poi attraverso il Divisionismo.

Anche se la tecnica divisionista non viene utilizzata con eccesivo rigore, è comunque abilissimo nella resa di una pennellata presente, quasi intenzionata a dare spessore materico al colore. Le Dolomiti, il lago Ceresio, il lago di Lugano, tutto il territorio della Brianza sono i protagonisti delle sue tele. Nel 1838 espone a Milano Cimon della Pala – Dolomiti, uno dei dipinti più significativi della sua carriera, eseguito negli ultimi anni di attività.

Prima di questo, una serie di dipinti tutti comparsi alle Permanenti di Milano, riscuotendo una calda accoglienza di pubblico e di critica. L’attenta disposizione cromatica e luministica pervade gran parte delle opere, modulate precisamente sull’osservazione del vero e delle variazioni atmosferiche.

Sono esempio di queste caratteristiche dipinti come Paesaggio innevato, Lago di Lugano e Monte Generoso, In Val Ceresio, Varese, Febbraio. E ancora, sempre allo stesso filone appartengono Veduta lacustre con monti sullo sfondo, Al sole in riva al lago, Il Ceresio dai Monti di Besano, Mattino al sole in Valsassina

Quotazioni quadri Oreste Albertini

Richiedi una Valutazione Gratuita

Un nostro esperto ti risponderà in 24/48h
Compilare il form contatti o Chiamaci al numero +393337186684
Se preferisci scrivici su WhatsApp e mandaci le fotografie delle tue Opere D'Arte.

WhatsApp
Copyright © 2021
created by Lipsia.