Carlo Bossoli

(Davesco-Soragno, 6 dicembre 1815 – Torino, 1 agosto 1884)

Quotazioni di Carlo Bossoli

Se sei interessato ad ottenere una stima di un’opera dell’artista Carlo Bossoli.

Non esitare a contattare un esperto della nostra Galleria d’arte a Milano che ha trattato negli anni diverse opere di questo artista.

Puoi contattarci telefonicamente, inviando delle immagini dell’opera via whatsapp al 333 7186684 oppure via mail a info@valutazioneqaudri24.it

Siamo inoltre interessati all’acquisto di opere di Carlo Bossoli.

Le nostre valutazioni sono sempre attendibili e gratuite ed eseguite da un Perito della Camera di Commercio di Milano.

Biografia

Carlo Bossoli (Lugano, 1815 – Torino, 1884) nasce in Svizzera, ma compiuti i cinque anni, la sua famiglia si trasferisce ad Odessa. Cresce e si forma in Crimea, che negli anni Venti dell’Ottocento è un porto franco e un fecondo centro di scambi culturali e commerciali.
Dopo aver lavorato in una libreria, segue le sue attitudini artistiche ed inizia a fare apprendistato nella bottega di un pittore e scenografo italiano. Comincia a specializzarsi nella veduta e a tessere i primi contatti con l’alta società di Odessa, dove gli vengono commissionate le prime opere.
Esegue scorci, vedute a volo d’uccello e paesaggi scenografici ad olio e acquarello. In poco tempo Carlo Bossoli raggiunge un certo apprezzamento tra la borghesia, estimatrice delle sue doti artistiche.
Al 1839 risale il suo primo viaggio in Italia. Sarà un viaggio importantissimo per Carlo Bossoli perché entrerà in contatto con le opere dei grandi maestri nei musei, ma potrà scambiare considerazioni e ricerche anche con i pittori contemporanei.
La prima scuola con cui si confronta e quella della Scuola di Posillipo e con il Vedutismo Napoletano. In seguito si reca nel nord Italia fino a Lugano in Svizzera, sua città natale.
Nel 1840 è di nuovo ad Odessa, carico di un bagaglio artistico fertilissimo, che gli permette di ampliare la sua produzione. Le commissioni aumentano, soprattutto da parte dell’aristocrazia russa.
La permanenza in Crimea dura solo tre anni, infatti, nel 1843 Carlo Bossoli torna in Italia e si stabilisce prima a Milano per dieci anni e poi a Torino. Le sue grandi capacità di osservazione, la curiosità e l’instancabile voglia di viaggiare lo portano a visitare e a ritrarre nei minimi dettagli diverse città europee.
I suoi panorami, le sue ampie vedute e gli scorci di grandissima modernità sfociano anche nel reportage cronachistico e di costume, nella descrizione urbanistica e geografica.
Viaggia dall’Inghilterra alla Scozia alla Spagna, spingendosi fino al Marocco. Carlo Bossoli riporta continuamente impressioni e disegni delle città che visita, creando un repertorio di immagini corposo e minuzioso. Uomo e artista eclettico, porta con sé ogni esperienza vissuta, tanto che poi sulle rive del Po, farà costruire la sua dimora in stile moresco, purtroppo non più visibile.
Alla fine degli anni Cinquanta, segue l’esercito per documentare le guerre d’indipendenza e nel 1862 riceve il riconoscimento ufficiale di “pittore reale di storia”. Durante tutte queste attività, trova il tempo di esporre a Brera dal 1845 al 1852, ma anche a Torino e alla Royal Academy di Londra. Muore a Torino nel 1884.
In breve tempo, Carlo Bossoli si fa conoscere e riceve incarichi tanto in Italia, quanto in Inghilterra.
Nel 1847 espone a Torino una serie di vedute che si dividono tra paesaggi orientali e italiani. Tra di esse vi sono Il Bosforo in Costantinopoli, Incendio di Smirne, Veduta d’Intra sul Lago Maggiore, Catena di Monti del Caucaso.
Nell 1851 pubblica un album con dodici litografie di vedute di Torino ed esegue un Panorama della città. L’anno successivo viene incaricato dal governo sabaudo di realizzare tempere che ritraggano i paesaggi toccati dalle ferrovie piemontesi appena inaugurate.
La serie, pubblicata con il titolo Views of the railway between Turin and Genoa, esce a Londra nel 1853, seguita nel 1855 dalle Vedute dei Crimea.
Queste pubblicazioni in Inghilterra lo rendono ancora più noto e gli procurano una delle commissioni più importanti. Eugenio di Savoia Carignano, infatti, lo incarica di seguire l’esercito sardo durante le campagne del 1859, per documentarle.
Realizzerà tempere e litografie che raffigurano i momenti salienti delle battaglie, le pause negli accampamenti, i paesaggi che fanno da cornice agli spostamenti dell’esercito. Dunque, un vero e proprio reportage di guerra pubblicato in Inghilterra nel 1859 con il titolo The war in Italy e oggi al Museo del Risorgimento di Torino.
Le centosei tempere vengono mostrate nel 1861 all’Esposizione di Firenze, suscitanto lodi e apprezzamenti. Continua la sua attività espositiva fino al 1884, anno della sua morte, quando presenta a Torino una serie di impressioni dei suoi ultimi viaggi. Tra di esse Torre della Giralda a Siviglia, Valle di Dugari nell’Isola di Arau (Scozia), Antiche querce sulle sponde del Lago di Danemora (Svezia).

Carlo Bossoli Quotazioni
Carlo Bossoli Quotazioni

Richiedi una Valutazione Gratuita

Un nostro esperto ti risponderà in 24/48h
Compilare il form contatti o Chiamaci al numero +393337186684
Se preferisci scrivici su WhatsApp e mandaci le fotografie delle tue Opere D'Arte.

WhatsApp
Copyright © 2021
created by Lipsia.